Cris Ciù

il buon bere

Cris Ciù vermentino biologico
di Gallura

Il Vermentino di Gallura DOCG è una delle espressioni più caratteristiche del territorio gallurese. Il terreno di origine granitica e le condizioni pedo-climatiche ne danno una struttura che ben si presta ad accompagnare i piatti della cucina gallurese.

Cris Ciu è un vino biologico strutturato, corposo, con sentori di macchia mediterranea. Di colore giallo paglierino con riflessi verdognoli, presenta un gusto caratteristico, persistente e gradevole. La sua caratteristica? Il gusto ampio, minerale, con sfumature saline.

Vermentino, il vino dal gusto marino
L’Italia è una terra fatta di piccoli comuni, di piccoli borghi che, negli ultimi anni, hanno intrapreso un’eroica attività di recupero di territori, spesso abbandonati ad un lento ma inesorabile declino.

L’obiettivo di questa ardua lotta è quello di promuovere la cultura e l’economia del territorio. Luogosanto, piccolo comune della Gallura, ha intrapreso una strada per il recupero dell’antica tradizione della produzione di vermentino.

Identikit del vermentino

Il vermentino è un vitigno a bacca bianca che in Italia si coltiva in Liguria, Sardegna e Toscana meridionale. Tutte regioni bagnate dal mare, che regalano al vino la sapidità.

Il vitigno sarebbe originario della Spagna, poi si sarebbe diffuso in Francia, in Corsica e successivamente in Italia, approdando dapprima in Liguria. Secondo un’altra teoria deriverebbe dalla famiglia delle Malvasie, con cui condividerebbe la capacità di adattarsi a terreni differenti, capaci di donare al vino profumi e aromi diversi tra loro.

Le caratteristiche principali del vermentino? I grappoli sono di media grandezza, gli acini rotondi e con la buccia abbastanza spessa.

La particolarità del vermentino sardo? La corposità e l’aromaticità, con un richiamo alla macchia mediterranea.

bicchiere vermentino

Gli abbinamenti

Il vermentino è un vino versatile perfetto per molti abbinamenti, dall’aperitivo con finger food di verdura o di pesce ai risotti, alle zuppe di crostacei, alle frittate con erbette o con fiori di zucca. Accompagna anche piatti di carne bianca o piatti di pesce come i calamari alla brace o la zuppa di moscardini. Si serve in bicchieri tipo tulipano o renano, che hanno un’imboccatura più stretta utile per contenere i profumi.
Va servito a una temperatura tra i 10 e i 12 gradi.

×

Table of Contents

×

Table of Contents