Benessere Equilibrio Osseo Osteoporosi

Sub Moloc Penta Magnesio

Sub Moloc Penta Magnesio

Integratore alimentare

Cinque diverse fonti di magnesio in un’unica tavoletta
80 tavolette da 450 mg
Modo d’uso: una o due tavolette al giorno.

SUB-MOLOC PENTAMAGNESIO – INTEGRATORE ALIMENTARE UTILE A MANTENERE UNA NORMALE FUNZIONE PROPRIA DI QUESTO MINERALE ANCHE SULLA DENSITA’ OSSEA

Che cos’è il magnesio?
Il magnesio è un macroelemento, cioè uno dei minerali presenti nell’organismo in quantità più elevate. In genere in un adulto ne sono presenti tra i 20 e i 28 grammi, il 50-60% dei quali è concentrato nelle ossa, il 39% nei tessuti molli e solo l’1% nel sangue.
È considerata normale una concentrazione di magnesio compresa tra 0,75 e 0,95 mmol/L.
Il magnesio è un minerale importante per l’organismo in quanto è cofattore di diversi enzimi coinvolti in molti processi metabolici. Il magnesio contribuisce al normale funzionamento del sistema nervoso e muscolare e sostiene l’organismo nel contrastare situazioni di stanchezza e affaticamento.
Irritabilità, nervosismo, stress eccessivo, sbalzi d’umore, affaticamento, stanchezza, fastidi muscolari. Un’integrazione con Magnesio può essere utile in tutti questi casi.

CIRCA IL 60% DEL MAGNESIO NEL CORPO UMANO SI TROVA NELLO SCHELETRO

Uno stretto controllo nell’omeostasi del magnesio sembra essere di fondamentale importanza per la salute delle ossa. Sulla base di studi sperimentali ed epidemiologici si è riscontrato che la carenza di magnesio ha effetti dannosi sulle ossa. La sua carenza porta allo sviluppo dell’osteoporosi perché il minerale svolge un’azione diretta sulla formazione dei cristalli ossei e un’azione indiretta influendo sulla secrezione e sull’attività dell’ormone paratiroideo; inoltre la sua carenza contribuisce a promuovere l’insorgenza dell’infiammazione di basso grado. In generale, il controllo e il mantenimento dell’omeostasi. Il magnesio rappresenta un intervento utile per mantenere l’integrità ossea.
Studi recenti suggeriscono che l’integrazione di magnesio contribuisce ad aumentare la densità ossea e ad arrestare la perdita dell’osso nel 80% dei soggetti con osteoporosi. Altri studi confermano la tesi secondo cui il meccanismo attraverso il quale la carenza di magnesio aggrava l’osteoporosi è di natura multifattoriale: per influenza sul pH del liquido extracellulare e per la presenza del minerale in sistemi enzimatici magnesio-dipendenti fondamentali nella formazione della vitamina D8,15.
Quando si parla di prevenzione dell’osteoporosi si pensa subito al calcio e alla vitamina D. In realtà molti altri componenti della dieta si stanno rivelando sempre più importanti per la protezione delle ossa e uno dei più importanti è il magnesio. Lo conferma un recente studio condotto dal Norvegian Institute of Public Health, pubblicato sulla rivista scientifica Bone. I ricercatori, considerando la grande variabilità dell’incidenza di fratture del femore da una regione all’altra del loro Paese, hanno voluto verificare se ci fosse una relazione fra la frequenza di questi traumi (più di 19 mila fratture nei sette anni di osservazione su circa 700 mila adulti) e il contenuto di calcio e magnesio dell’acqua potabile. Corriere salute

 

Call Now Button